Contatti

Ufficio Energia

tel. 045 8099477-500
fax 045 8026909
energia@confindustria.vr.it
Energia
ultimo aggiornamento 02/02/2018
- Servizio CEVI Energia: Energivore raccolta dati e invio relativa dichiarazione CSEA
La CSEA ha pubblicato l’elenco delle imprese energivore per l’anno di competenza 2016.

Dal 1° gennaio 2018 accedono alle agevolazioni di cui al Decreto 21/12/17 le imprese che:


    1. hanno un consumo medio di energia elettrica, calcolato nel periodo di riferimento 2014-2015-2016, pari ad almeno 1 GWh/anno

e che rispettano uno dei seguenti requisiti:

    a) operano nei settori dell’Allegato 3 alle Linee Guida CE (Comunicazione 2014/C 200/01 della Commissione europea recante “disciplina in materia di aiuti di Stato a favore dell’ambiente e dell’energia 2014-2020”)

    b) operano nei settori dell’Allegato 5 alla Linee guida CE e sono caratterizzate da un indice di intensità elettrica determinato in relazione al VAL Valore Aggiunto Lordo (art. 5, comma 1; di seguito: intensità elettrica su VAL, “IVAL”) positivo e non inferiore al 20%, nel periodo di riferimento;

    c) non rientrano fra quelle di cui ai punti a) e b), ma sono ricomprese negli elenchi delle imprese a forte consumo di energia redatti, per gli anni 2013 o 2014, dalla Cassa per i servizi energetici e ambientali (CSEA) in attuazione dell’articolo 39 del decreto legge n. 83/2012.


Rispetto alla precedente normativa, di fatto dal 1° gennaio 2018:

    - vengono precisati i codici ATECO che possono ottenere la qualifica di azienda “energivora”. Quindi nell’ambito delle classificazioni di azienda “manifatturiera” (sezione C del Codice Ateco 2007) o “estrattiva” (con i relativi codici ATECO) sarà necessario verificare se il proprio contempla ancora la possibilità di essere energivore.

    - viene introdotto il concetto di “periodo di riferimento”, intendendosi come tale il triennio n-4 / n-2 rispetto all’anno di riferimento n (per esempio il periodo di riferimento del 2018 è il triennio 2014-2015-2016). Quindi non si considereranno più i valori (di consumo, di fatturato, ecc.) relativi solo all’anno precedente.

    - viene abbassata la soglia minima di consumo annuo per accedere alla qualifica di impresa energivora: relativamente alla medesima Partita IVA, non sarà più richiesto un consumo di 2,4 GWh nel solo anno precedente, ma un consumo medio annuo nel periodo di riferimento di almeno 1 GWh

    - viene introdotto il Valore Aggiunto Lordo dell’impresa, calcolabile secondo quanto indicato dall’Allegato 4 alle Linee Guida CE quale elemento di ulteriore distinzione agevolativa, oltre ai consueti consumi elettrici e fatturato (esso era stato richiesto per la costruzione degli elenchi energivore 2015 e 2016, ma senza una reale influenza sull’inserimento o meno negli elenchi stessi).


Le aziende considerate Energivore possono godere di un sgravio dei costi energetici (nostra notizia VR 18.0114 del 01.02.2018) ed hanno tempo fino al 31 marzo 2018 per inserire i dati relativi alla competenza 2016.

L’agevolazione per le energivore sarà sostanzialmente costituita dalla riduzione della componente Asos corrisposta dall’azienda interessata, riduzione proporzionale all’intensità energetica IVAL e al VAL stesso (per approfondimenti vedi nostra notizia VR 18.0114 del 01/02/2018).

CEVI Energia offre il servizio per la raccolta dati e invio della relativa dichiarazione all’apposito portale della Cassa Conguaglio CSEA.


Se la vostra azienda è in possesso dei requisiti di sopra descritti, per informazioni sul servizio e chiarimenti di carattere generale può rivolgersi a CEVI Energia - Alessandro Caldieron 045 8099500 - email: a.caldieron@confindustria.vr.it

Contatti

Ufficio Energia

tel. 045 8099477-500
fax 045 8026909
energia@confindustria.vr.it