Contatti

Centro Studi

tel. 045 8099484
fax 045 8041654
centro.studi@confindustria.vr.it
Percorso: Home > Dati e scenari
Home Page
ultimo aggiornamento 09/29/2014
Scenari Economici - n.20
La partenza ritardata e lenta. I fondi europei leva per uscire dalla crisi

L’economia italiana è rimasta inchiodata. Le previsioni di graduale progressione sono state finora disattese.

La maggiore fiducia di consumatori e imprese non si è tradotta in comportamenti di spesa, cioè in vera scommessa sul miglioramento dello scenario.

È stata una falsa partenza. Ma nuovi tasselli si sono aggiunti a comporre il mosaico di un frenato recupero a partire dalla seconda metà del 2014.

Nel Mondo la locomotiva americana sta viaggiando a buon ritmo, il Giappone consolida i progressi, gli emergenti forniscono un traino decisivo, nonostante inciampi e turbolenze. L’Eurozona resta poco dinamica, con forti divaricazioni al suo interno che tagliano trasversalmente la tradizionale suddivisione tra centro e periferia; nel complesso, però, avanzerà.

Le politiche monetarie stanno riducendo il costo del capitale (tassi giù, Borse su) e aumentano la disponibilità di risorse finanziarie.

Sul piatto opposto della bilancia rimangono: la bassa dinamica dei prezzi, che rischia di sfociare in deflazione e che in Italia tiene troppo alti i tassi reali; la difficoltà di ottenere credito, che si attenuerà solo lentamente; la distruzione di potenziale produttivo, che riduce lo spazio per il rimbalzo.

I fondi europei e nazionali per la coesione rappresentano per il Paese un’occasione d’oro per rilanciare gli investimenti, cruciale anello di congiunzione tra domanda e offerta. Occorre accelerarne l’impiego nei prossimi due anni così da rimettere in moto l’intera economia e favorire il suo riposizionamento competitivo.

Allegati

Scenari economici n. 20_giu14 (file .pdf - 2494Kb)
Contatti

Centro Studi

tel. 045 8099484
fax 045 8041654
centro.studi@confindustria.vr.it