Contatti

Centro Studi

tel. 045 8099484
fax 045 8041654
centro.studi@confindustria.vr.it
Percorso: Home > Dati e scenari
Home Page
ultimo aggiornamento 09/16/2013
Scenari Economici - n.18
Le sfide della politica economica - settembre 2013
I mesi estivi hanno portato nuove conferme di rafforzamento della crescita globale. Ciò è il risultato di due tendenze opposte. Nei paesi avanzati gli indicatori di attività manifatturiera e di fiducia suggeriscono che la ripresa degli Stati Uniti e del Giappone prosegue solida e che la recessione dell’Euroarea è finita. Anche l’Italia è al punto di svolta. Nelle economie emergenti, invece, si è accentuato il rallentamento, in particolare in quelle più esposte ai movimenti di capitali esteri.

I dati sono nell’insieme incoraggianti ma non rendono meno difficili le sfide della politica economica. Negli USA l’esperienza passata non offre una bussola per orientare i tempi del ritiro degli eccezionali stimoli monetari, che i mercati hanno già cominciato a scontare alzando i tassi a lunga e riducendo gli investimenti più rischiosi. Nell’Euroarea i lavori nei vari cantieri aperti da oltre un anno per aumentare l’integrazione avanzano lentamente e le misure di sostegno agli Stati più deboli non paiono sufficienti. In Italia il recupero parte da un punto così basso e l’emergenza occupazionale è così estesa da esigere misure incisive per il rilancio della competitività, senza rimettere in discussione gli equilibri nei conti pubblici.

Su questo quadro economico in miglioramento e sulle scelte che i governi e le banche centrali sono chiamati a compiere grava l’elevata incertezza politica che è legata agli esiti delle imminenti elezioni tedesche e al magmatico Parlamento italiano. Da entrambi possono scaturire rischi sistemici, che non sono incorporati nelle previsioni del CSC.

Allegati

Contatti

Centro Studi

tel. 045 8099484
fax 045 8041654
centro.studi@confindustria.vr.it